post

TERAMO / MISTER PACI A MEDIA TV: SIAMO IN RODAGGIO. IL BARI E’ LA PIU’ FORTE

Riportiamo in anteprima le dichiarazioni rilasciate poco fa al partner di BariNrete – MediaTv – da Massimo Paci, tecnico del Teramo prossimo avversario domenica prossima al San Nicola per la seconda giornata del campionato di serie C. Teramo reduce dalla trasferta di Coppa persa a Reggio Calabria e tornato in Abruzzo per preparare al meglio la sfida al Bari.

Massimo Paci, 42 anni, ex difensore con trascorsi in serie A (Lecce, Ascoli, Siena, Novara e Parma ) è un tecnico esordiente in serie C. Nelle ultime due stagioni, ha allenato Forlì e Montegiorgio nel campionato di serie D. Ora la grande chance a Teramo. Squadra con la testa al match di domenica: “Sarà un Teramo ancora in fase di rodaggio – fa sapere – Quando arriva un allenatore nuovo, è un cantiere aperto. Affrontiamo un avversario importante come il Bari, una delle protagoniste del campionato. Sarà una sfida affascinante“.

Il calendario mette di fronte un’altra big del girone C dove aver già incontrato il Palermo: “Credo che il Bari sia molto più avanti sia come condizione fisica che come spirito di squadra. Il Palermo, che abbiamo incontrato e battuto domenica scorsa, ha buone individualità e lotterà per vincere, ma in questo momento è in ritardo. Al momento non è ancora squadra“. Paci non condivide la definizione di Teramo a sua immagine e somiglianza, e si sofferma sulle logiche di mercato degli abruzzesi: “Ci tengo a  dire che non ho costruito il Teramo a mia immagine e somiglianza. Quest’anno il presidente  sta cercando di puntare sui giovani, abbiamo avuto qualche difficoltà per abbassare ingaggi ed età media del gruppo. Mi sono dovuto adattare a questa situazione. Cercherò di dare una mia impronta precisa, un marchio di fabbrica. Sarà un processo lungo. La mentalità si può già vedere, ma per la struttura di gioco occorrerà del tempo“.

Del Bari – ammette – temo di più Antenucci, giocatore completo che trasmette fiducia a tutta la squadra. Il girone C? E’ troppo presto per dare giudizi sulle gerarchie in gioco. Dipenderà da tanti e troppi fattori. Le squadre che hanno allestito rose più importanti delle altre le conosciamo. Ma, come al solito, ci saranno delle sorprese. Come Teramo, daremo sempre il massimo”.

fonte Media Tv

fonte foto Il Centro

 

post

DI MARZIO: BARI, PIU’ CHIOSA CHE FORNASIER

Sembra complicarsi la pista Michele Fornasier per il Bari. A sostenerlo è il giornalista Gianluca Di Marzio: “Il difensore centrale del Parma sarebbe ad un passo dall’approdo in Serie B tra le fila della Cremonese. Nei giorni scorsi il classe ’93 è stato accostato con insistenza al Bari, su cui però vigeva il problema relativo alla categoria“.

Un altro profilo per la retrovia gradito alla società pugliese sarebbe quello di Marco Chiosa (1993) della Virtus Entella e già con 25 presenze a Bari nella stagione 2013/14.

 

post

SEMENZATO: ESORDIO RAPIDO, INTENSO E BELLO. A BARI PER UN PROGETTO IMPORTANTE

Rapido, bello e intenso“. Così l’ultimo arrivato Daniel Semenzato sintetizza la notte di Ferrara bagnata dall’esordio con la maglia biancorossa e dall’eliminazione di Coppa.

Purtroppo non abbiamo portato a casa la qualificazione – continua l’ex Pordenone – però penso che la prestazione ci sia stata, quindi dobbiamo solo essere contenti e continuare a lavorare così. Per quanto mi riguarda, fisicamente è andata bene. Ci sono dei meccanismi da oliare. Ma questo non costituisce un problema“.

Contro la Spal è stato utilizzato nella insolita posizione di fascia sinistra: “Per fortuna ricopro più ruoli e stavolta ho dato il mio contributo dove voleva il mister“. A Bari le motivazioni non mancano: “La piazza non si può rifiutare. A Bari c’è un progetto importante, volevo di nuovo tornare in una squadra importane e forte e provare a vincere il campionato. Posso dare il mio contributo e la mia esperienza per centrare la promozione e fare il calcio che richiede il mister“.

fonte notizia e foto Ssc Bari

post

AUTERI: UN BARI AUTOREVOLE. ORA TESTA ED ENERGIE AL CAMPIONATO

Soddisfazione ed un pizzico di orgoglio nelle parole di mister Auteri per la prova del suo Bari che purtroppo non è riuscita a garantire il passaggio al terzo turno di Coppa Italia. I biancorossi hanno tenuto testa alla Spal sino al termine dei tempi supplementari arrendendosi solo ai calci di rigore: “Abbiamo fatto una buona partita – dice il tecnico – cercando il confronto e cercando di giocarcela come deve essere nella nostra mentalità e nel nostro costume. Abbiamo fatto una buona gara, senza concedere tanto, creando abbastanza e poi fraseggiando bene. Abbiamo tenuto il campo con autorevolezza, ottenendo risposte importanti pur avendo alcuni giocatori alla prima partita con noi. Vedi Semenzato. Queste partite servono per fare acquisire una condizione migliore a chi ha iniziato a lavorare dopo, come per esempio Candellone“.

Accettiamo l’eliminazione, giunta solo ai rigori – continua Auteri . Purtroppo siamo arrivati sino ai supplementari. Dobbiamo recuperare le energie. Domani (oggi, ndr) non ci possiamo allenare. Domenica c’è una partita importante, dove i punti sono pesanti“.

Sulla tattica: “Siamo stati sempre molto attenti e disciplinati, senza mai rinunciare a ripartire, creando sei, sette occasioni buone. Forse abbiamo rischiato in qualche situazione a campo aperto. Alla fine, abbiamo avuto una clamorosa palla gol con Celiento. Alla fine, va bene così. Nei prossimi sette giorni avremo altre tre partite ed è meglio lavorare interamente per una settimana anche per uniformare il gruppo dal punto di vista della condizione e del nostro modello di gioco. Concentriamoci sul lavoro quotidiano e su quanto migliorare. I margini di miglioramento sono ampi. Ora c’è un Teramo di qualità che in qualche modo dobbiamo mettere sotto“.

fonte notizia e foto Ssc Bari

post

MARFELLA: MI FACCIO TROVARE PRONTO PER IL BENE DEL BARI. PECCATO PER LA SCONFITTA AI RIGORI

I quattro gol subiti dal dischetto non cancellano l’ottima prova tra i pali di Davide Marfella. Un esordio stagionale da semaforo verde, con interventi di ottima fattura. Il vice Frattali esamina a caldo la partita di Ferrara ai microfoni di TeleBari: “Cerco di farmi trovare pronto, l’ho fatto anche l’anno scorso. Lo faccio per la squadra e per me stesso. La parata più complicata è stata quella su Sebastiano Esposito nel corso del primo tempo supplementare“.

Con Frattali ho un buon rapporto. Lavoriamo bene insieme, insieme a Liso, Maurantonio e Aprile. Ho 21 anni e mi piacerebbe avere più spazio. Ma per vincere il campionato è giusto affidarsi all’esperienza di Frattali. Ci tenevamo a fare bella figura. Potevamo anche passare se Celiento avesse segnato al 90′. La Spal punta alla A. Noi dobbiamo continuare a lavorare. Il mister è soddisfatto, anche se un po’ rammaricato“.

post

MINELLI: CONTENTO DELLA PRESTAZIONE, BRAVO THIAM SUL MIO RIGORE

Esordio dal primo minuto e partita positiva per Alessandro Minelli che – rigore parato da Thiam a parte – manda in archivio una serata da ricordare. L’ex Juve Under 23 si districa con disinvoltura al centro della difesa mostrando di meritare le fiducia di mister Auteri: “E’ stato bello scendere in campo per tanto tempo. Mi sto allenando bene e sto raggiungendo una migliore condizione fisica. Sto lavorando per questo – dice il difensore ai microfoni di TeleBari – e pian piano col lavoro i risultati vengono. Quando si scende in campo si fa del proprio meglio. Poi, spetta al mister fare le scelte“.

Siamo scesi in campo convinti di fare risultati. Eravamo tutti motivati. I rigori sono una lotteria. Giusto che la Spal sia passata avendo sbagliato meno. Per quanto mi riguarda, sentivo di calciare il rigore, ma è stato più bravo Thiam a pararmelo. Sarà per la prossima. Abbiamo tenuto testa alla Spal e quindi ora testa a domenica per la partita di campionato. Faremo sicuramente risultato“.

 

post

COPPA ITALIA / IL BARI SI ARRENDE ALLA SPAL SOLO AI RIGORI. ELIMINAZIONE CON ONORE

Spal-Bari 4-2 dcr
BARI: Marfella, Celiento, Minelli, Perrotta (c), Andreoni (33′ st Bianco), Maita (33′ st Sabbione), De Risio, Semenzato (16′ st Marras), Corsinelli (26′ st Ciofani), Candellone, D’Ursi (25′ st Antenucci). A disp.: Frattali, Liso, Di Cesare, Esposito, Stasi, Polichetti. All. Auteri.
SPAL: Thiam, Ranieri, Salamon (1′ st Tomovic), Sa. Esposito, Paloschi (17′ st Floccari), Murgia (12′ sts Missiroli), Sernicola, Castro (17′ st Jankovic), Se. Esposito, Spaltro (1′ pts Dickman), Sala. A disp. Berisha, Galeotti, Tunjov, Strefezza, Seck, Owolabi, Brignola. All. Marino.
ARBITRO: Sozza di Seregno.
RETI: Così ai rigori – Salvatore Esposito gol; Antenucci gol; Jankovic gol; Marras gol; Floccari fuori; Candellone parato; Sebastiano Esposito gol; Minelli parato; Tomovic gol.
NOTE: Serata mite. Campo in ottime condizioni. Presenti circa mille spettatori. Rec. pt 0. Rec. st 3′. Rec. pts 0. Rec. sts 1′.
FERRARA – Non basta una prova gladiatoria al Bari per tornare a casa con la qualificazione al terzo turno di Coppa Italia che – solo ai calci di rigore – si aggiudicano i padroni di casa della Spal col risultato di 4-2. Decisivi i rigori parati a Candellone e Minelli, a vanificare le due precedenti marcature dal dischetto di Antenucci e Marras.
Si comincia con i tifosi della Spal – un migliaio sugli spalti del Paolo Mazza – che inviano un messaggio d’amore all’ex Antenucci, oggi al Bari. Lo fanno con degli applausi ed uno striscione dedicato: “Tre anni di emozioni e ricordi. La Ovest saluta Mirco Antenucci”.
A confronto il 3-4-3 del Bari ed il 4-3-1-2 della Spal. Ferraresi che si affiacciano dalle parti di Marfella dopo 2′ col portiere barese che devia in corner un tiro a colpo sicuro di Sernicola.
La replica biancorossa al 19′: una serie di veloci filtranti in ripartenza porta De Risio alla conclusione a rete, con palla di poco fuori.
Un nuovo pericolo per la difesa pugliese arriva poco prima della mezzora sull’asse Castro-Sernicola. Soluzione radente al lato.
E’ un Bari in palla, dalle trame di gioco gradevoli e fluide. La mano di Auteri inizia a farsi vedere. Magari manca di incisività in avanti. Difatti, la Spal va vicino al vantaggio sul finire di primo tempo. Dopo un’azione a campo aperto, Murgia spara alto una palla da destinare nel sacco.
Nella ripresa entrano i carichi pesanti su entrambi i fronti. Agli spallini Floccari e Jankovic rispondono i baresi Ciofani e soprattutto Antenucci. Auteri rischia tutti i campi. Alla distanza, le energie vanno esaurendosi e si gioca ormai solo di rimessa.
Il gol vittoria capita a meno 3′ dalla fine sui piedi di Celiento che – imbeccato da Antenucci e solo davanti al portiere – spara malamente fuori. Gioia strozzata che rinvia il passaggio del turno ai supplementari.
Dopo 10′, il biancoceleste Sebastiano Esposito fa tremare palo e difesa ospite a Marfella battuto. In archivio a reti bianche anche i due tempi supplementari, la gara si decide ai calci di rigori. Il Bari si arrende con onore e ora concentra tutte le energie sul campionato. Domenica, al San Nicola, arriva il Teramo.

post

ROMAIRONE: NEI PROSSIMI GIORNI RIFINIREMO LA SQUADRA

Breve intervento del ds Romairone ai microfoni di Rai Sport poco prima del fischio di inizio di Spal-Bari: “Cercheremo di rifinire ulteriormente la squadra – dice – e la proprietà si impegnerà a rinforzare ancora di più un gruppo che già possiede dei valori importanti. Finora siamo riusciti a garantire questo a mister Auteri. Ora dobbiamo completare il lavoro con qualche intervento di rifinitura“.

fonte Rai Sport

foto Ssc Bari

post

SPAL-BARI / FORMAZIONI: AUTERI GETTA SUBITO NELLA MISCHIA SEMENZATO

Largo alle “seconde linee” nel Bari che tra meno di un’ora affronterà la Spal per il secondo turno ad eliminazione diretta di Coppa Italia. Esordio ufficiale per Marfella tra i pali e per il neo acquisto Semenzato.

Queste le formazioni.

Bari: Marfella, Celiento, Minelli, Perrotta (c), Andreoni, Maita, De Risio, Semenzato, Corsinelli, Candellone, D’Ursi. A disp.: Frattali, Liso, Bianco, Di Cesare, Antenucci, Marras, Ciofani, Esposito, Sabbione, Stasi, Polichetti. All. Auteri.

Spal – Thiam, Ranieri, Salamon, Sa. Esposito, Paloschi, Murgia, Sernicola, Castro, Se. Esposito, Spalatro, Sala. A disp. Berisha, Galeotti, Tomovic, Missiroli, Floccari, Tunjov, Strefezza Rebellato, Dickmann, Seck. All. Marino.

foto Ssc Bari

post

DI MARZIO: BARI INSEGUE FORNASIER, MA STRADA IN SALITA

A detta del giornalista Gianluca Di Marzio, il Bari sarebbe sulle tracce del difensore centrale Michele Fornasier (classe ’93). Come si legge sul portale gianlucadimarzio.com “…la trattativa appare però particolarmente complicata, considerati i dubbi del classe ’93 nello scendere in serie C“.

Nelle ultime stagioni, passando da Pescara e Venezia, Fornasier ha fatto la spola tra Parma (proprietario del cartellino) e Trapani.

foto Ita Sport Press