post

UFFICIALE: BARI, MAZZOTTA FINO A GIUGNO 2023

SC Bari comunica di aver acquisito a titolo definitivo i diritti delle prestazioni sportive del calciatore Antonio Mazzotta (02.08.1989, Palermo); il difensore ha firmato un contratto fino al giugno 2023 e sarà da subito disposizione di mister Mignani.

Cresciuto nelle giovanili del Palermo, con cui nel ’08-’09 vince uno Scudetto Primavera, Mazzotta fa il suo esordio tra i professionisti, in Serie B, con la maglia del Lecce nella stagione ’09-’10 (20 pres.). Nella stagione successiva veste la casacca del Pescara prima di passare, a gennaio, al Crotone, sempre in cadetteria: con i pitagorici ben 6 stagioni in 2 distinti momenti: dal gennaio 2011 al 2014 e dal 2019 fino allo scorso campionato, di Serie A, per un totale di 145 presenze e 3 reti. Nella sua carriera ha vestito, sempre in Serie B, le maglie di Cesena (10 presenze in massima serie nel campionato ’14-’15), Catania, Frosinone e Palermo.

post

BARI: DOPO STORO, DA OGGI LA RIPRESA IN CITTÀ

Dopo i due giorni di riposo concessi da mister Mignani ai suoi ragazzi reduci dalle fatiche del ritiro di Lodrone, il Bari si ritroverà in città oggi pomeriggio, 3 agosto, per riprendere la preparazione in vista della prossima stagione.

“Prima di tornare sul campo – la nota del club – Di Cesare e compagni si sottoporrano ad un nuovo ciclo di tamponi come previsto dal protocollo in vigore. La prima seduta stagionale all’Antistadio verrà svolta in modalità individuale; dopo gli accertamenti sanitari del caso verrà poi dato l’ok alla modalità collettiva. I calciatori che si sono ‘negativizzati’ nei giorni scorsi, potranno tornare a lavorare in gruppo appena ottenuto il benestare medico”. Domani, mercoledì, è in programma una doppia seduta tra palestra e campo.

post

ANDREA COSTA: PENSIAMO AL 50 PER CENTO DI TIFOSI ALLO STADIO

Intervenuto oggi a Radio Kiss Kiss, il sottosegretario alla salute Andrea Costa si è anche soffermato sulla riapertura degli stadi: “Ai cittadini – le parole del politico ligure – dobbiamo dare prospettive e pensiamo ad una percentuale del 50% dei tifosi negli stadi. La volontà deve raggiungere altri numeri e rispetto alle percentuali applicate c’è stato un incremento. Per ciò che riguarda gli stadi la questione del distanziamento di un metro crea difficoltà. Da parte mia c’è la massima disponibilità. Abbiamo qualche settimana per offrire al calcio una situazione che sia normale”.

post

IL BARI LASCIA STORO. RIPRESA IN SEDE IL 3 AGOSTO

Domenica di addio per il Bari nel ritiro di Storo. Da domani, la squadra godrà di tre giorni di riposo per riprendere all’antistadio San Nicola martedì 3 agosto. Per questa data si unirà al gruppo il difensore Mazzotta. A ruota, seguiranno altri colpi in entrata che Polito ha già in canna.

Questi i numeri del ritiro in Trentino: “Tredici giorni di allenamenti nella Valle del Chiese, 22 sedute di lavoro al ‘Grilli’, una lunga prima parte di allenamenti individuali, un distanza totale percorsa di quasi 70.000 km (somma gruppo), una velocità media per allenamento di 8,3 km/h e un picco di velocità massima fissato a 32,4 km/h (velocità massima media di 28,95 km/h). Una canzone, ‘A mano a mano’ di Rino Gaetano, incontrastata colonna sonora di questo ritiro 2021”.

Dopo il saluto delle Autorità cittadine e dell’ATP Trentino, la seduta di allenamento mattutina è stata incentrata prettamente sul lavoro atletico (ripetute su brevi e medie distanze) e partitelle a tema su campo ridotto.

Fonte Ssc Bari

post

BARI, ANCHE SCAVONE RINNOVA FINO A GIUGNO 2023

Dopo Frattali e Antenucci, arriva un altro prolungamento di contratto sino a giugno 2023. Si tratta di Manuel Scavone così come riporta il comunicato della società giunto poco fa in redazione: “SSC Bari rende noto di aver trovato l’accordo per il prolungamento del contratto che lega il centrocampista Manuel Scavone alla Società biancorossa, ora in scadenza a giugno 2023.

Dopo una stagione in prestito vissuta da protagonista in Serie B, Scavone ha sposato a pieno la politica societaria, tornando così per la terza volta in carriera a vestire il biancorosso: per lui già 41 presenze e 2 gol con la maglia dei ‘galletti'”.

Fonte notizia e foto SSC Bari

post

MIGNANI: BILANCIO IMPOSSIBILE, MA SARA’ UN BARI ALL’ALTEZZA DELLA PIAZZA

L’intervento di Michele Mignani con i giornalisti presenti nel ritiro biancorosso di Storo segna il rompete le righe del lavoro in Trentino del Bari. Squadra che nelle ultime ore ha ritrovato una parte dei calciatori tesserati in seguito alla quarantena forzata per via dei contagi Covid.

Situazione di parziale ripristino a poche ore dall’ultimo giorno lontano da casa che rappresenta un piccolo segnale positivo. Lo riconosce anche il mister: “E’ impossibile fare un bilancio di questo ritiro. Non siamo riusciti ad allenarci come avremmo voluto, perché a livello numerico non siamo riusciti a fare quello che ci serviva. Bisogna comunque ragionare in maniera positiva – sorride forzatamente Mignani – perché abbiamo iniziato a conoscerci e a gettare qualche base per costruire il Bari del futuro. Sono piccole basi, in quanto un allenatore deve poter disporre di almeno 22 giocatori e avere allenamenti di contatto. Prendiamo quello che abbiamo fatto come un inizio sperando che a Bari si torni a lavorare da squadra”.

“Contiamo di ricominciare allineando la preparazione di chi si è fermato con gli altri. Magari – continua Mignani – organizzando delle amichevoli”. Mignani vira sul rinnovo contrattuale di Antenucci: “Per convincerlo ci ha lavorato Polito. Crediamo in Mirco. La sua storia la dicono i numeri. Siamo convinti e felici che sia qua e abbia ritrovato entusiasmo. Antenucci darà un grandissimo contributo alla squadra. Dobbiamo diventare una squadra avvalendoci delle qualità di tutti. Ora serve equilibrio. Non possiamo strapparci i capelli per aver perso quindici giorni di lavoro collettivo. Il tempo per recuperare c’è e dobbiamo creare i presupposti per arrivare pronti alla prima di campionato. Chi viene a Bari sa bene qual è l’obiettivo da raggiungere. Tutto passa attraverso il lavoro”.

Sarà un agosto movimentato per il mercato, tra entrate e uscite: “Tutti gli allenatori vorrebbero una squadra completa da subito. Però questo a volte non è possibile. Ci vuole tempo per lavorare. Il mercato al momento è fermo, non solo per noi. Se non ti liberi di contratti importanti è difficile fare entrare qualcuno. Sono sicuro che costruiremo un Bari giusto per noi, per la piazza e per il mio pensiero di calcio. Ci faremo trovare pronti per l’inizio della stagione”.

Mignani su Maita, Citro e Marras: “Non esiste un modulo unico con cui intendo giocare. Questo periodo mi sarebbe servito per conoscere i ragazzi. Avremo tempo e modo per capire qualità e posizione dei calciatori. Maita può fare tutti i ruoli a centrocampo, nel pieno della sua maturazione. Non conosce ancora tutte le sue potenzialità. Spero di tirargliele fuori. Citro è un altro giocatore di qualità, può rivestire tutti i ruoli offensivi e va recuperato con calma. Bisogna aspettarlo. In C può essere importante, se non determinante”.