post

BIANCO: CI ABBIAMO MESSO IL CUORE. CARRERA DICE DI NON SMETTERE DI SOGNARE

Raffaele Bianco si carica il Bari da capitano. Contro il Monopoli prova a fare la voce grossa nel ridisegnato centrocampo biancorosso e, alla fine, tira le somme di un successo strappato coi denti: “Il periodo che stiamo vivendo ci ha influenzato. Quando non arrivano i risultati si vede tutto nero. Il Monopoli, poi, è avversario fastidioso e corre tanto. Per fortuna, un episodio ci è girato a favore. Ora speriamo di recuperare qualcuno, ma sottolineerei il cuore che ci ha messo la squadra. Vedi il ragazzino Mercurio che ci ha dato una grossa mano. A Catania ci aspetta un incontro importantissimo”.

“Mister Carrera – conclude Bianco – insiste sui concetti dell’equilibrio, del difendersi in un certo modo e lavorare per il possesso palla. Il 4-3-3 è un modulo che ci può portare dei vantaggi, per quanto occorra comunque recuperare le risorse importanti che ora sono fuori. Mi auguro che il gol di Cianci sia un segnale di ripresa. Sembrava avessimo una fattura addosso e speriamo di essercene liberati. Noi ci mettiamo il massimo. Il mister ci ha detto di sognare. Chi non lo fa e non ha obbiettivi non può fare il mestiere del calciatore. Si capisce che Carrera è uno tosto. Parla poco, ma quando le cose non vanno si fa capire bene”.

Rispondi