post

RIVOLUZIONE BARI: SFUMANO BROSCO E PUCINO, ARRIVA MAZZOTTA. BELLI UFFICIALE A BREVE

Sullo sfondo l’erba del campo Grilli di Lodrone di Storo, nella piccola piana trentina chiamata Pian d’Oneda. A distanza più ravvicinata, i calciatori del Bari che da stamattina stanno sudando agli ordini di Michele Mignani nel primo giorno del ritiro pre campionato lontano dalla Puglia.

Agli allenamenti col gruppo non stanno prendendo parte i difensori Daniele Celiento e Simone Perrotta. Il primo sta ancora svolgendo il percorso personalizzato di recupero per risolvere l’ormai atavico fastidio al ginocchio. Una situazione che si protrae dallo scorso campionato e che sta diventando un fardello sul quale operare delle riflessioni. L’integrità fisica del calciatore sarà fondamentale per valutarne l’impiego ufficiale. Altrimenti, sarebbe il caso di effettuare scelte diverse. Il Bari non può permettersi giocatori a mezzo servizio. Terapie e palestra anche per Marco Perrotta, altro elemento che potrebbe non rientrare nei piani del nuovo tecnico.

In realtà, questo discorso interesserà anche altri componenti dell’attuale organico, diversi dei quali destinati a cambiare aria. Come riporta l’odierna edizione de Il Corriere dello Sport, sul piede di partenza ci sono Carlo De Risio (ammiccamento Potenza), Lollo, Hamlili, Bolzoni, Bianco e Corsinelli. Dal canto nostro, alla lista aggiungiamo anche Sabbione e Semenzato. A ruota, li seguono Terrani e il giovane Nannini. Insomma, un Bari rivoltato come un calzino che, ormai è ufficiale, saluterà anche l’esterno Berra finito al Pisa nello scambio con Belli approdato in Trentino (sarà ufficializzato a breve) come gli ulteriori ultimi innesti D’Errico e Cheddira (di cui riferiamo in articolo a parte).
Sempre sul fronte ingressi, brutte notizie per gli ex ascolani Pucino (quotazioni precipitate nelle ultime ore) e Brosco (ha sposato la causa Vicenza). Due puntelli che avrebbero senz’altro alzato il tasso tecnico della squadra. Più percorribile – al contrario – la strada che conduce ad Antonio Mazzotta, centrocampista e terzino mancino (Palermo, 2 agosto 1989) svincolato dal Crotone. Giocatore 31enne non più di primo pelo, ma con una lunghissima esperienza alle spalle. Lecce, Pescara, Cesena e Palermo le parentesi più significative di una carriera spesa su discreti livelli.

foto Ssc Bari

Rispondi