post

LUIGI DE LAURENTIIS: L’AMORE PER IL BARI E’ VIVO. PER NATALE, SOGNO UNA ZOOM VIRTUALE CON TUTTI I TIFOSI

Campionato, situazione socio economica legata al Covid, tifoseria e tanto altro nelle dichiarazioni di Luigi De Laurentiis rilasciate poco fa ai microfoni di TeleBari. Un presidente del Bari a tutto tondo che spazia su un ventaglio di tematiche. Questi i contenuti del suo intervento telefonico:

TERNANA DI QUEST’ANNO COME LA REGGINA DELL’ANNO SCORSO? – “Di sicuro, la Ternana mi impensierisce più per il momento, nel senso che dopo l’anno scorso ed essere rimasti delusi, è ovvio che quest’anno siamo ancora più concentrati e motivati. C’è tanta tensione dettata dalla voglia di vincere. Avere una squadra avversaria così avanti ci sta anche per un numero di partite. Loro devono fermarsi. E ci sono ancora tante partite davanti a noi. E’ stressante per noi perché siamo tanto concentrati e ogni partita è come se fosse una finale. Ma, ripeto, c’è ancora molta strada da fare”.

BARI DIVERSO DAL PRECEDENTE CAMPIONATO – “Secondo me sì. Con tutto il rispetto per i tesserati dell’anno scorso credo che l’ultima partita vinta sabato a Pagani, un anno fa l’avremmo pareggiata. E, invece, adesso siamo riusciti a portarla a casa. Il successo in Campania ci da’ la quadra di una squadra pronta a lottare sino in fondo, anche su campi difficilissimi dove si rischiano anche infortuni. Lo dico con polemica, ma è incredibile giocare un campo inguardabile come quello di Pagani. Contro tutte queste avversità, alla fine l’abbiamo spuntata”.

LE POLEMICHE SONO SEGNALI D’AMORE – “Mi piacciono sia le critiche che arrivano dall’esterno che le sottolineature dei nostri giocatori. Significano amore e affetto per il Bari. Se uno non ci tenesse, non starebbe lì sul pezzo anche a trovare la critica proprio perché vuole arrivare sino in fondo e vincere ogni partita. Lo steso sentimento che abbiamo anche noi. I calciatori ci mettono cuore, fede e senso di appartenenza. Sono segnali importanti”.

STADIO VUOTO, SENZA TIFOSI – “Mi mancano tantissimo, ancora di più quando ricevi oltre 4.200 rinunce al rimborso degli abbonamenti dell’anno scorso. Un segnale d’amore fortissimo. Ho veramente grande rispetto, perché non sono momenti facili per nessuno e questa vicinanza è stupenda, bellissima e ci da’ ancora più energia. Un segnale per tutti, per la squadra e lo staff. Per ricompensare questo affetto sto pensando ad un’iniziativa speciale per i tifosi. La sveleremo al momento opportuno”. 

LE PERDITE ECONOMICHE CAUSA PANDEMIA – “Quest’anno – per il solo pubblico – il Bari perde oltre 2 milioni di euro. Per noi sono perdite enormi anche perché la C è un campionato in cui gli investimenti non sono recuperabili per pensare di avere una squadra di un certo livello. Comunque sarebbe stato un anno in perdite. Senza il pubblico, lo è ancora di più. In un momento così difficile, ho avuto la fortuna di incontrare imprenditori locali per bene, aziende sane e a noi vicine. Li ringrazio tutti, chi c’era e chi è arrivato in corsa.  Fuori dal tunnel, vedo grande voglia di ripartenza e senso di libertà da parte delle persone. Questo lo vogliamo tutti con tutte le forze. Credo si vivrà molto all’aperto e in libertà, sempre con attenzione. Poi, auguriamoci che il vaccino risolva il tutto“.

GLI STORE BIANCOROSSI E LA TRATTATIVA SKY – “Le vendite vanno bene, anche se è un anno difficile. Entrare in un negozio non è semplice. La Lega ha ventilato un possibile accordo con Sky per i diritti televisivi della serie C. E’ passato un altro mese intere senza avere notizie. Bisogna chiedere alla Lega. Non riesco a capire come mai non ci siano ancora aggiornamenti. Su questo accordo tra Lega e Sky richiederemo questa settimana”.

IL MERCATO DI GENNAIO – “Si sta costruendo in noi l’idea su cosa fare nel prossimo mercato di gennaio. Abbiamo le idee chiare e opereremo in tal senso. Restare un altro anno in C sarebbe durissima, psicologicamente e per tutti gli investimenti. Sarebbe veramente brutto. Non voglio né pensarci né parlarne”.

L’ASSENZA DI MINELLI NEL POST COVID – “Gli siamo molto vicini e non vediamo l’ora di rivederlo in campo con noi. E’ un ottimo difensore, oltre che un bravo difensore. Gli auguro il meglio”.

L’ALBERO NATALIZIO CITTADINO – “In una ipotetica lettere a Babbo Natale aggiungerei che possano ritornare i nostri tifosi allo stadio, sperando che i numeri della pandemia possano scendere. Sarebbe splendido ritrovare il calore umano della gente perché assistere alle partite senza pubblico è molto difficile. Ho visto l’albero cittadino sui social, Bari riesce ad avere sempre un simbolo bellissimo. Sarò allo stadio con Vibonese e Avellino”.

SOLIDARIETA’ A CAIATA – “Voglio esprimere la mia vicinanza al presidente del Potenza, Salvatore Caiata, vittima nelle scorse ore di un aggressione fuori dallo stadio con sassi all’autovettura da parte di alcuni tifosi, se così si possono chiamare. Voglio fare un saluto di vicinanza e sostegno perché queste aggressioni uccidono questo bellissimo sport come il calcio. Quindi denuncio questo fatto e mi dispiace moltissimo per il calcio. E’ un duro colpo. Questi eventi non dovrebbero accadere mai“.

AUGURI DI NATALE – “Anche se un po’ diversi dal solito, gli auguri di Natale ce li faremo nei prossimi giorni. Non vivremo il solito cenone di Natale con sponsor, giocatori ed il nostro staff. Ci inventeremo una bellissima ‘zoom call’ con musica e saluti a rimpiazzare la cena di Natale. Chissà che non si possa realizzare anche una zoom virtuale con tutti i nostri tifosi”.

Rispondi