post

NON SOLO BABY AGONISTI. IL BARION ATTRAE AMATORI

FONTE: LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO

BARI – Circolo Canottieri Barion e canoa all’avanguardia anche con gli amatori. La società barese non si ferma ai giovani agonisti e amplia l’offerta della sezione canoa per gli sportivi di tutte le età e capacità.

Questa la nuova ricetta del Canottieri Barion per la sezione canoa affidata al neo dirigente Nicola Perchiazzi (48 anni). Due gli obiettivi da perseguire, secondo il responsabile di sezione: monitoraggio dei ragazzi e attenzione per i canoisti di età più elevata: “Sono patrimoni da preservare – osserva Perchiazzi – . La parte agonistica resta il nostro fiore all’occhiello ma la sezione è viva e pulsante anche con riguardo al gruppo dei Master, sempre più nutrito ed appassionato”.

Fra le giovani promesse non c’è solo la 14enne Alessandra Centrone, protagonista con due successi ai recenti interregionali di San Giorgio di Nogaro: “Lei dà l’esempio – spiega Perchiazzi – . È la nostra portacolori, non si è mai fermata, allenandosi da casa anche nel periodo più acuto dell’emergenza sanitaria. Nelle ultime settimane hanno ripreso con vigore anche altri ragazzi per preparare gli Italiani di fondo e velocità in programma il mese prossimo a Milano”. A coadiuvare l’opera di Perchiazzi nella preparazione di allenamenti e gare c’è Michele Carella, classe 74, già atleta di interesse nazionale.

In parallelo, intanto, si sta sviluppando l’attività di canoa amatoriale affidata a Pompeo Sabato: un altro sbocco per lo sport di mare oltre al sup (“stand up paddle”) curato da Giuseppe Santo Barile, un modo di navigare in piedi su una tavola remando con una pagaia. “Ci sono già sette appassionati – chiude Perchiazzi – che praticano canoa da mare. Abbiamo aggiunto anche surf ski, praticabile anche con il mare grosso”.

Pierpaolo Paterno

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.