post

GHIRELLI: RIAPRIRE GRADUALMENTE GLI STADI DI C

Un fiume in piena. Francesco Ghirelli – numero uno di Lega Pro – si è da poco sbilanciato su un ventaglio di tematiche nel contesto dell’Assemblea di Lega appena conclusa.

Il primo tasto riguarda la presenza dei tifosi negli stadi di serie C: “Bisogna riaprire gradualmente stadi e palazzetti, altrimenti si rischia il crac da parte dei club senza risorse dal botteghino e dagli sponsor“. “Un risultato positivo -afferma una nota pubblicata poco fa sul sito Ansa – è stato sicuramente il cambiamento del protocollo sanitario che porta all’effettuazione dei tamponi entro le 48 ore dall’incontro di calcio. I costi sono sempre alti ma almeno dimezzati: un vero passo in avanti è stato compiuto“.
Ghirelli sulla lista giocatori: “Nell’incontro convocato dal Presidente della Figc Gabriele Gravina, che ringrazio, avevo proposto di passare da 22 a 23 giocatori per quello che riguardava le liste: ma per chiudere occorreva arrivare a 24. In questo contesto noi acquisiamo 2 punti chiave: le liste e il minutaggio. Abbiamo anche posto il tema delle risorse per lo sviluppo della formazione di giovani talenti“.

Il discorso vira sulle spinose situazioni di Trapani e Eleven Sports: “Eleven – ammonisce Ghirelli – risponda in modo chiaro e netto. Noi abbiamo subito un danno ma contemporaneamente chiediamo scusa ai clienti-tifosi“. Spazio anche al credito di imposta: “Il Governo e il Parlamento supportino chi si è impegnato. Un ampliamento dei soggetti che potrebbero usufruire del provvedimento annullerebbe i benefici e si trasformerebbe nell’ennesimo intervento a pioggia“. Ghirelli ha ribadito: “Questa è una Serie C con club di alto profilo che ragionano a sistema. Sono un valore del calcio che fa bene al Paese“. Nella riunione di venerdì prossimo – il riferimento conclusivo di Ansa – si discuterà anche di una diversa ripartizione dei fondi della legge Melandri.

fonte notizia Ansa

foto Tuttocampo.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.