post

ELEVEN SPORTS, CI RISIAMO. TIFOSI STANCHI. E’ L’ORA DELLE RESPONSABILITA’

Da quattro ore a questa parte ci giungono in redazione numerose segnalazioni da parte dei tifosi del Bari che esprimono il loro disappunto rispetto all’impossibilità di usufruire dei servizi di Eleven Sports legati alla trasmissione della partita Viterbese-Bari, in programma oggi alle 15 dallo stadio Rocchi di Viterbo.
Alcuni abbonati alla piattaforma che detiene i diritti televisivi delle gare di Lega Pro riferiscono di non aver avuto accesso alla visione del match odierno sin dalle ore 15. Altri, la maggior parte, riportano di segnale ad intermittenza poi definitivamente interrotto intorno al minuto 70 della partita in questione.
Dai riscontri effettuati con altre testate giornalistiche e altre fonti ufficiali, dobbiamo purtroppo confermare il disservizio verificatosi questo pomeriggio a discapito degli abbonati ad Eleven Sports che – loro malgrado – rivivono la spiacevole esperienza di non poter seguire (o farlo solo parzialmente) la propria squadra del cuore così come già verificatosi durante la prima giornata di campionato in occasione della partita Virtus Francavilla-Bari.
Barinrete non può non comprendere e condividere le ragioni dei tantissimi tifosi del Bari che – oltre al danno di non poter seguire la squadra direttamente allo stadio per le disposizioni anti Covid – sono limitati o impediti pure nella visione dei match della loro squadra anche sulla piattaforma televisiva che ne dovrebbe curare la trasmissione. Questo per quanto stabilito dagli accordi con la Lega Pro ed in ottemperanza dei contratti commerciali o dei titoli di acquisto dei singoli eventi sportivi da parte dei clienti.
Il ripetersi dei disservizi da parte del committente, tecnici o bancari che siano, non sembrano più tollerabili da parte degli utenti che – a ragione – rivendicano una presa in carico di responsabilità da parte di Eleven Sports e della Lega.
Non è più il tempo dei contentini (due, tre partite gratis a titolo di risarcimento…). E’ l’ora invece in cui la società biancorossa faccia sentire la propria voce nelle sedi opportune per amplificare il disappunto di migliaia di tifosi costretti ahi loro al silenzio.
Nel tempo delle responsabilità, sarebbe giusto farsi da parte se non si è in grado di onorare i patti e gli impegni presi con gli utenti. Nel tempo delle responsabilità, sarebbe opportuno ripensare ad una ridistribuzione dei diritti televisivi ad emittenti – anche locali – disposte a mantenere vivo l’amore dei tifosi biancorossi già duramente provati da una distanza già mal digerita e resa forzata dalla pandemia sanitaria.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.