post

CANOTTAGGIO / AGLI ITALIANI DI VARESE, BARESI CENTRANO LE FINALI

Canottieri del Circolo Canottieri Barion in vetrina ai campionati italiani andati in scena l’altro giorno a Varese. Per i ragazzi baresi due podi sfiorati in tutte le finali centrate. Un traguardo importante che potrebbe schiudere ai migliori le porte delle nazionali giovanili, visto che l’approdo alla finalissima è stato centrato al termine di selezioni agguerrite, proprio nelle categorie tenute sotto osservazione dallo staff azzurro.

Sullo stretto piano dei risultati, incoraggiano i quarti posti conquistati nel singolo Under 23 e nel quattro di coppia Ragazzi. Esaltante quest’ultimo riscontro, per la prestazione sfoderata da Francesco Capone, Giancarlo Leonetti, Michelangelo Quaranta e Luigi Tamborrino, tutti fra i 15 e i 16 anni, che hanno fatto registrare poco più di un secondo di ritardo dai terzi classificati:  6:34:51 contro 6:31:37 totalizzati dall’equipaggio di Sc Padova che ha chiuso un podio dominato da Lario e Cerea. Bene anche il 21enne Luigi Dolce, quarto nella finalissima under 23 dietro i canottieri di Terni, Cernobbio e Tevere Remo.

Il circolo barese del presidente Francesco Rossiello approda in finale anche nelle gare di singolo Juniores: chiude al sesto posto Giuseppe Bellomo, 17 anni, all’esordio nella categoria al cospetto di canottieri più grandi di lui. Un piazzamento che vale molto e che proietta la promessa del Barion nel giro dei futuri convocabili. In ambito femminile, pollice in su anche per la 18enne Marianna Bosco che si piazza ottava nella gara decisiva per il tricolore.

Il bilancio complessivo premia così l’opera dei tecnici Sabino Bellomo e Alessandro Dironzo, oltre al percorso di crescita avviato dalla responsabile di sezione Maria Cristina Rizzo e dal direttore sportivo Carlo Quaranta: “Siamo davvero contenti – osserva Quaranta – . Quando si arriva sino in fondo, e in categorie con cinquanta partecipanti ciascuna, significa che si è lavorato bene per entrare nel giro azzurro e per essere competitivi ai massimi livelli. Occhio, però, perché questo è un punto di partenza e dobbiamo continuare a crescere, onorando la tradizione del circolo”.

fonte notizia e foto cc barion

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.