post

BARI FERMATO 0-0 DAL MONOPOLI. PARTITA COMPLICATA, PRIMO POSTO ALLA TERNANA

Monopoli-Bari 0-0

MONOPOLI (3-5-2): Menegatti, Sales, Giose, Nicoletti; Giorno, Piccinni, Paolucci (22’ st Vassallo), Lombardo (40’ st Guierbe), Zambataro; Montero (24’ st Santoro), Marilungo (22’ st Starita). A disp. Pozzer, Oliveto, Arena, Arlotti, Antonacci, Nina, Rimoli, Basile. All. Marasciulo.

BARI (3-4-3): Frattali, Celiento, Di Cesare, Sabbione; Ciofani, Maita, Bianco (23’ pt Lollo), D’Orazio (35’ st Marras); Citro (1’ st Candellone), Antenucci, D’Ursi (23’ st Montalto). A disp. Liso, Marfella, Perrotta, Hamlili, Corsinelli, Minelli, Lollo, Semenzato.

ARBITRO: Feliciani di Teramo.

NOTE: Serata mite, spettatori un migliaio circa. 41’ st espulso Sabbione per doppia ammonizione. 1’ rec. pt; 4′ rec. st.

Nulla di fatto per il Bari al Veneziani fermato sullo 0-0 dai padroni di casa del Monopoli. Secondo pareggio in cinque gare giocate che fanno perdere la testa della classifica, ora nelle mani di una Ternana (più 1) corsara per 3-1 a Lentini contro il Catania.

La partenza del Bari è compassata. I ritmi sono lenti, complice anche la discreta vivacità di un Monopoli pronto a vendere cara la pelle. I padroni di casa la mettono sull’agonismo. E i galletti vanno in affanno, in particolare sulle catene esterne. Citro non è in condizione e costringe Antenucci e D’Ursi ad un super lavoro per cercare affondi che non arrivano.

Sulla trequarti, il Monopoli si si affida a Paolucci per accompagnare gli attaccanti Marilungo e Montero. Dopo un primo quarto d’ora attendista, il Bari offre i primi assaggi della serata con due radenti di D’Ursi e Ciofani. E’ il Monopoli, però, a regalare il primo vero brivido quando al 22’ Lombardo colpisce un palo pieno direttamente da punizione. Momento in salita per i biancorossi che dopo appena 23’ perdono Bianco per un infortunio muscolare (coscia sinistra) che lo costringe al cambio con Lollo. La partita è nervosa. Il Monopoli insiste. Al 37’, su servizio di Montero, Paolucci prova una conclusione ad incrociare con il destro. Pallone al lato. Il primo tempo, tutt’altro che spettacolare soprattutto su sponda biancorossa, si esaurisce senza grandi sussulti.

Auteri se ne accorge e in avvio di ripresa inserisce Candellone sul vertice sinistro d’attacco al posto di un Citro poco convincente. Il Monopoli riparte con la solita aggressività col Bari che palesa ancora problemi nel palleggio in mezzo al campo. I giri del motore aumentano all’8’ con D’Orazio che prova il tiro a colpo sicuro: Menegatti si oppone deviando in corner. Antenucci ingrana la marcia e richiama in causa Menegatti costringendolo a deviare in angolo una soluzione insidiosa dalla distanza (12’ st). Auteri lancia Montalto tra le linee al posto di D’Ursi ridisegnando il Bari con un 3-4-1-2. La manovra in mediana rimane sempre compassata. La strada alternativa è il 4-2-3-1 quando Marras si posiziona largo a destra subentrando ad un D’Orazio sotto tono. Non è la serata giusta per il Bari che chiude la gara anche in dieci uomini per l’espulsione di Sabbione (doppia ammonizione) quasi in chiusura. Ad 1’ dal novantesimo, un tiro di Maita non impensierisce Menegatti. Portiere biancoverde che – allo scadere – compie un miracolo su colpo di testa a rete di Montalto. Finisce a reti inviolate, al termine di una contesa in cui l’aspetto che conta maggiormente è la continuità di risultati positivi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.