post

BARI IMPONENTE, MA NON BASTA PER BATTERE IL FOGGIA

Foggia-Bari 2-2
FOGGIA (4-3-3): Dalmasso, Di Pasquale, Ferrante, Curcio (32′ st Turchetta), Merola (32′ st Vitali), Sciacca, Garofalo, Petermann, Di Paolantonio, Rizzo A., Nicolao (17′ st Girasole). A disp.: Alastra, Gallo, Rizzo Pinna, Maselli, Tuzzo, Buschiazzo. All. Z. Zeman.
BARI (4-3-1-2): Frattali (1′ st Polverino), Belli (30′ st Pucino), Terranova, Gigliotti, Ricci, Maita, Maiello, D’Errico (30′ st Mallamo), Galano (38′ st Citro), Antenucci (c), Cheddira (38′ st Simeri). A disp.: Celiento, Di Cesare, Bianco, Simeri, Citro, Misuraca, Mazzotta, Scavone, Paponi. All. M. Mignani.
ARBITRO: Cascone di Nocera Inferiore.
RETI: 11′ pt Curcio; 21′ pt Cheddira; 23′ pt Merola; 41′ st Mallamo.
NOTE: Rec. 2′ pt; Rec. 4′ st.
di Pierpaolo Paterno
FOGGIA – Un punto strettissimo per i biancorossi di Mignani che – nel derby della 29ma giornata di C – rimpiccioliscono il Foggia in lungo e in largo, ma non riescono ad ottenere la vittoria che avrebbero ampiamente meritato. A dirlo sono le innumerevoli occasioni create sotto rete che avrebbero meritato altra sorte se il portiere rossonero Dalmasso non fosse stato in giornata di grazia. Un Bari senza dubbi padrone del campo, in grado di sfoderare una prova tattica e tecnica di altissimo spessore nonostante un terreno di gioco ridotto in fanghiglia dalla pioggia caduta copiosa per tutto il match. Il punto, ottenuto tra l’altro in doppia rimonta dopo un infortunio tecnico di Frattali, consente al Bari di arginare la vittoria del Catanzaro sul Latina e tornato nuovamente a meno quattro dalla capolista biancorossa.
SI PARTE DOPO 5′ – Il calcio italiano è sceso in campo unito per la pace. È questo il messaggio che la Federazione Italiana Giuoco Calcio ha inviato in un momento così complesso per gli equilibri internazionali, decidendo di posticipare di 5 minuti il calcio d’inizio di tutte le partite ufficiali in programma nel fine settimana. Senza distinzione, professionisti e dilettanti, si sono uniti in un’unica testimonianza di pace, sensibilizzando appassionati e tifosi sul rispetto della vita umana e sulla necessità di trovare una soluzione diplomatica alla crisi in Ucraina.
LA CRONACA – Il Bari scende in campo con la formazione più accreditata alla vigilia. Ovvero, Frattali tra i pali più Belli e Ricci terzini e Terranova e Gigliotti centrali. A centrocampo, Maita e D’Errico mezzale e Maiello play basso. Galano dietro le punte Antenucci e Cheddira.
Campo pesantissimo per la pioggia battente. E ambiente caldo sugli spalti con i tifosi rossoneri pronti a beccare il concittadino Galano marcato strettissimo da Peterman. Il Bari non vince allo Zaccheria dalla stagione 1983/84.
Ma è il Foggia a passare in vantaggio. Traversone da destra e colpo di testa di Curcio che anticipa di netto Terranova e sblocca il risultato a Frattali immobilizzato. Lo Zaccheria è una bolgia, ma la capolista non si fa intimorire e riesce a pareggiare dopo dieci minuti grazie al sesto gol stagionale di Cheddira in scivolata a chiudere in seconda battuta il fendente di D’Errico stampato sulla traversa. Equilibrio che dura appena due giri di lancette con i satanelli di nuovo avanti dopo due minuti. Il Foggia passa ancora avanti ringraziando una paperissima di Frattali che non trattiene un radente velenoso di Merola.
La formazione di Mignani non stacca la spina e sfiora il 2-2 al 34′ quando Cheddira si smarca dal difensore e colpisce il palo pieno alla sinistra del portiere. La prima frazione finisce qui, col Bari immeritatamente in svantaggio e condizionato dall’errore di Frattali.
Estremo difensore che per noie fisiche abbandona il campo dal primo minuto del secondo tempo cedendo il posto al dodicesimo Polverino. Buono l’avvio dei biancorossi che vanno in percussione con Maiello a colpo sicuro in piena area e Dalmasso che gli sbarra la porta. E’ un Bari vivo e meriterebbe il pareggio. Rete mancata clamorosamente da Galano il cui sinistro termina di un soffio al lato. A tratti, il Bari concede sprazzi di spettacolo ed è assoluto padrone del campo. Predominio territoriale che non basta per spezzare gli indugi. Vedi l’ennesimo miracolo in uscita del portiere rossonero su tiro di Cheddira destinato in porta (24′). Altrettanto clamoroso l’errore in uscita di Polverino che consente a Ferrante di tentare la carambola che – fortuna del Bari – termina la corsa sulla traversa.
Il monologo biancorosso continua con un cross di Ricci per il colpo di testa di Cheddira che lambisce di pochissimo il palo. Come se non bastasse, arriva anche una conclusione ravvicinata di Maita deviata in angolo. Il pareggio è un fatto dovuto e lo firma Mallamo con un eurogol meraviglioso a cui stavolta il portiere non può opporre alcuna resistenza. E’ un Bari scatenato. Citro manca il tris spedendo incredibilmente fuori una palla d’oro servita da Antenucci. Un grandissimo rammarico per un successo mancato al di là di una prova davvero convincente che lascia ben sperare in vista del prossimo derby al San Nicola contro la Virtus Francavilla.

post

FOGGIA-BARI, LE FORMAZIONI UFFICIALI: GALANO DIETRO ANTENUCCI E CHEDDIRA

Le formazioni del Foggia e del Bari che alle 18.30 si sfideranno allo Zaccheria per il derby della 29ma di C:

Foggia (4-3-3): Dalmasso, Di Pasquale, Ferrante, Curcio (c), Merola, Sciacca, Garofalo, Petermann, Di Paolantonio, Rizzo A., Nicolao. A disp.: Alastra, Gallo, Rizzo Pinna, Vitali, Maselli, Girasole, Turchetta, Tuzzo, Buschiazzo. All. Z. Zeman.
Bari (4-3-1-2): Frattali, Belli, Terranova, Gigliotti, Ricci, Maita, Maiello, D’Errico, Galano, Antenucci (c), Cheddira. A disp.: Polverino, Celiento, Di Cesare, Bianco, Simeri, Citro, Misuraca, Mazzotta, Pucino, Scavone, Paponi, Mallamo. All. M. Mignani.
post

BARI, I POSSIBILI UNDICI TITOLARI CONTRO IL FOGGIA

Mignani a carte coperte per il Bari che nel tardo pomeriggio di oggi (ore 18.30) sarà di scena a Foggia per il derby della 29ma giornata di C. La defezione di Botta apre alcuni scenari per il ruolo di trequartista. Il tecnico potrebbe puntare sulle motivazioni del foggiano doc Galano. Ma le soluzioni alternative non mancano perché nello stesso ruolo potrebbero essere impiegati anche Scavone, Mallamo e Misuraca. Ad uno di questi spetterà il compito di supportare il tandem d’attacco composto da Antenucci e molto probabilmente da Cheddira. In caso contrario, al posto di quest’ultimo si potrebbero giocare le carte Simeri o Paponi, con la candidatura di Citro più defilata. A centrocampo, molto plausibile la conferma del terzetto composto dai laterali Maita e D’Errico con Maiello play basso. In difesa, conferme in vista per Belli e Ricci terzini, più Terranova centrale al fianco del possibile rientrante Di Cesare.

La probabile formazione: Frattali; Belli, Di Cesare, Terranova, Ricci; Maita, Maiello, D’Errico; Galano; Antenucci, Cheddira.

post

BARI, 24 CONVOCATI PER FOGGIA: MANCA SOLTANTO BOTTA

Una sola defezione nel Bari che domani pomeriggio (ore 18.30, arbitra Cascone di Nocera Inferiore) farà visita al Foggia per il derby della 29ma giornata del girone C di Lega Pro. Michele Mignani rinuncia all’estro e alla qualità di Ruben Botta che avrebbe scontato il turno di squalifica ma da forfait per alcuni acciacchi fisici. Questo dunque l’elenco dei 24 convocati per la partita allo Zaccheria:

Portieri: 1.FRATTALI, 13.POLVERINO, 22.PLITKO

Difensori: 3.GIGLIOTTI, 5.CELIENTO, 6.DI CESARE, 23.MAZZOTTA, 24.BELLI, 25.PUCINO, 26.TERRANOVA, 31.RICCI

Centrocampisti: 4.MAITA, 8.BIANCO, 14.D’ERRICO, 17.MAIELLO, 21.MISURACA, 29.SCAVONE, 99.MALLAMO

Attaccanti: 7.ANTENUCCI, 9.SIMERI, 11.CHEDDIRA, 18.CITRO, 19.GALANO, 88.PAPONI

post

MIGNANI VERSO FOGGIA: STIMA PER ZEMAN, D’ORA IN POI DOVREMO ESSERE LUCIDI MENTALMENTE

Rituale conferenza stampa per mister Mignani alla vigilia del match di campionato dei biancorossi che domani, 26 febbraio ore 18.30, faranno visita al Foggia per il derby della 29ma giornata di C.

“Faccio le scelte per il bene del Bari e mettendomi in discussione – attacca Mignani per sgombrare il campo dalle polemiche – . Sono contento del successo sul Picerno, ma non c’è tempo per pensarci ancora. Domani c’è la sfida al Foggia, un’altra partita importante”.
Replica a distanza a Zeman che in queste ore si è espresso sul Bari: “Cerco di parlare il meno possibile, se non di aspetti tattici – replica Mignani – . Siamo partiti tutti quanti dallo stesso punto e se se siamo avanti è perché ce lo siamo meritato e non per caso. A ciò si aggiungono valori individuali dei singoli e l’organizzazione della squadra. Zeman è uno schietto ed è giusto che dica quello che pensa. Ero piccolo quando allenava il primo Foggia in A. Ha delle grandi idee, lo ha dimostrato in tutta la sua carriera. E’ sempre stimolante affrontarlo”.
“Non ho dubbi sui miei ragazzi – continua – e so che le partite a volte sono determinate da episodi. D’ora in avanti, bisognerà essere lucidi con la testa. Cheddira? E’ uno che mi mette sempre pensieri. Ha giocato sempre dall’inizio. Può darsi accada anche domani, oppure a gara in corso quando diventa comunque determinante”.
Ancora sul tecnico boemo: “La storia di Zeman e delle sue squadre raccontano di tanti gol fatti e tanti altri subiti. Nel mio modo di pensare c’è più equilibrio, portando un giocatore in meno ad offendere. Al di là del modulo zemaniano, con tre punte ed inserimenti esterni, noi invece giochiamo col trequartista e due punte più alte. Noi abbiamo giocatori più forti e facciamo più gol”.
Mignani sui singoli del reparto offensivo: “Ho solo ricordato a Cheddira, troppo autocritico, di non pensarci e che è bello così, facendo quello che gli riesce con massima tranquillità. Galano? Col Picerno mi è piaciuto. Credo che il trequartista possa farlo. Per me è un terzo attaccante, può farlo in maniera autonoma. Non gli do grossi vincoli”.
Galano, foggiano doc, potrebbe essere sensibile a certi appuntamenti. Diventare, magari, l’uomo derby: “Lo conoscete meglio di me. In questi giorni abbiamo lavorato poco. A me sembra un ragazzo tranquillo, sereno, professionale. Un po’ di derby li ha giocati. Vorrei che lui si sentisse parte integrante del Bari, ragionando da leader e prendendosi delle responsabilità. Lui e tutti sanno bene che col Foggia sarà una partita come le altre. Fondamentale come tutte le altre che andremo a giocare”.
Per non dare punti di riferimenti, è plausibile un tridente offensivo. Mignani non lo esclude: “Tutto è possibile. Ho tanti attaccanti e quelli che sono più prime punte sono Paponi e Simeri. Gli altri hanno caratteristiche diverse. Simeri ha un grande carattere e questa ansia per determinare il risultato da’ la sensazione che sia contratto. Ma non è così. Lui deve dare il suo contributo”.

post

BARINRETE DICE NO ALLA GUERRA

La redazione sportiva di BariNrete, il direttore Pierpaolo Paterno e l’editore del quotidiano prendono le distanze da ogni forma di violenza e sopraffazione dei popoli. Alla luce degli attacchi belligeranti da parte della Russia contro l’Ucraina, esprimiamo la totale dissociazione da ogni atto criminale nei confronti delle persone civili innocenti e vittime della insensata azione militare offensiva.
BariNrete promuove i valori della solidarietà, dell’amicizia e del rispetto reciproco tra le persone facendone baluardi del proprio modo di pensare e operare.
Con la speranza che le tragiche notizie in arrivo dall’Ucraina possano presto lasciare spazio alla diplomatica risoluzione dei conflitti, speriamo che anche le attività sportive di quei luoghi – dove tanti nostri connazionali sono impegnati come atleti – possano quanto prima riprendere il loro corso ordinario.
Ci facciamo altresì promotori di messaggi di pace quali bandiera del vivere civile e democratico conquistato col sangue ed il sacrificio delle generazioni che ci hanno preceduto. Che la storia sia da esempio e insegnamento per non ripetere più gli errori commessi nel passato.

foto ilpiacenza

post

BARI PRIMAVERA DI SCENA A CATANZARO

Al riposo le formazioni Under Nazionali, i riflettori nel weekend del settore giovanile biancorosso saranno puntati sulla Primavera impegnata sabato a Catanzaro.

In campo anche i Giovanissimi Provinciali e le formazioni Woman.

Rese note le date di playoff del campionato ‘Primavera 3’: le fasi a girone avranno inizio il 26 marzo, mentre le finali si giocheranno dall’8 al 10 aprile.

Questo il programma completo:

Primavera 3 ‘D. Berretti’ – 16a g. Girone C

Catanzato-Bari
Sabato 26.02.22, ore 14:30
Centro Tecnico Federale, Catanzaro

Giovanissimi U15 Regionale – Fase Provinciale

San Paolo Levante Azzurro-Bari (2008)
Lunedì 28.02.22, ore 15:30
Campo del San Paolo, Bari

Nick Calcio-Bari (2009)
Lunedì 28.02.22, ore 17:30
Campo Nick World, Loseto (BA)

Under 15 Woman
Bari-Pink Sport Time
Giovedì 24.02.22, ore 15:15
Campo ‘Comuale’, Palese (BA)

Under 15 Woman
Foggia-Bari
Sabato 26.02.22, ore 15:30
Campo ‘Comuale’, Ordona (FG)

Under 12 Woman
Bari-Nick Calcio Bari
Venerdì 25.02.22, ore 17:00
Campo Intesa, Bari

post

FOGGIA-BARI, INFO BIGLIETTI OSPITI

SSC Bari rende noto che i tagliandi di accesso del settore ospiti dello stadio ‘Pino Zaccheria’ per la gara Foggia-Bari, in programma alle ore 18:30 di sabato 26 febbraio, saranno disponibili sul circuito VivaTicket nella giornata di venerdì 25 febbraio e fino alle ore 19:00 di tale giorno.

I suddetti tagliandi sono inibiti ai residenti delle provincie di Bari e BAT.
I residenti nelle suddette province inoltre NON possono acquistare tagliandi nei settori riservati ai tifosi locali.

PREZZI

SETTORE OSPITI € 10 + d.d.p.

MODALITA’ D’ACQUISTO

– online sul circuito VivaTicket

– nei punti vendita del circuito VivaTicket

Notizia Ssc Bari

post

TERRANOVA LANCIA LA SFIDA: BATTERE IL FOGGIA PER DARE UN SENSO ALLA VITTORIA SUL PICERNO

Queste le dichiarazioni del difensore biancorosso Emanuele Terranova, intervenuto poco fa ai microfoni della radio ufficiale del Bari: “I tre punti contro il Picerno – le sue parole – sono stati fondamentali per il nostro cammino. Un’ottima vittoria perché ci ha permesso di allungare sul Catanzaro. Per darle importanza però dobbiamo continuare a vincere contro il Foggia, altrimenti non abbiamo fatto nulla”.

Terranova sull’infortunio che lo ha bloccato un paio di settimane e sulla condizione generale del reparto difensivo: “Ho sofferto le partite troppo ravvicinate, lamentando qualche problemino alla schiena che mi ha fatto saltare le partite con Turris e Campobasso. Ora sto bene e sono pienamente recuperato. Nell’ultimo periodo abbiamo subito troppi gol, ma già col Picerno ci siamo ripresi sotto questo aspetto”.

post

BARI, LA RIPRESA VERSO FOGGIA

In archivio la vittoria di ieri sera sul Picerno, il Bari è tornato già ad allenarsi per preparare il derby della 29ma giornata di C in programma a Foggia sabato alle 18.30.

Questo il report ufficiale dell’allenamento odierno giunto poco fa in redazione: “Dopo un veloce prologo in sala video la squadra ha seguito tabelle differenti di lavoro: chi ha giocato dal primo minuto contro il Picerno si è dedicato a lavoro atletico di scarico tra palestra, fisioterapia e criosauna insieme a chi ha accusato qualche acciacco post gara; il resto del gruppo, dopo un’intensa attivazione muscolare, ha svolto circuiti tecnici finalizzati alle conclusioni a rete e partitella a ranghi misti su metà campo”.

Per domani prevista singola seduta di lavoro.