post

CAVESE-BARI / AUTERI: PARTITA AUTOREVOLE, NON VINCERE SAREBBE STATO UN DELITTO

Un Gaetano Auteri lucido e sereno analizza a caldo la vittoria di Cava dei Tirreni: “Sarebbe stato un delitto non vincere questa partita – le parole del tecnico biancorosso ai microfoni di TeleBari – senza nulla togliere al valore dell’avversario. Eravamo alla quinta partita in quindici giorni ed un po’ di fatica era da mettere in conto. Noi giochiamo un calcio di grande intensità. Abbiamo ottenuto una vittoria autorevole, pur soffrendo. Loro hanno concretizzato tutto ciò che hanno creato. Ora abbiamo solo bisogno di lavorare tutti insieme in maniera più continuativa”. 

Per il mister arriva la vittoria numero trecento in carriera: “E’ un dato statistico che non tengo in considerazione, lascia il tempo che trova. La partita è stata autorevole, si è sciupato qualcosa di troppo contro una Cavese che non ha mai mollato.  Sono contento per quanto la squadra ha espresso. I nostri ritmi sono intensi ed elevati e abbiamo bisogno di stare bene dal punto di visto fisico. In questo senso, non c’è omogeneità tra i nostri calciatori. Non abbiamo dato occasioni da gol, ma siamo stati puniti su episodi abbastanza banali. Per il resto, non abbiamo concesso nulla. Il calo? Me lo aspettavo, e anche chi ha giocato sempre ci sta che possa calare. Citro e Montalto li ho inseriti perché l’inerzia della gara lo consentiva”

Ora sotto con la Viterbese. Per preparare la sfida di domenica la squadra resterà lontana dalla Puglia: “Non rientriamo a Bari – dice Auteri – per non disperdere le energie. Ci alleneremo a Roma. Appena finiamo questo ciclo, lavoreremo in maniera più continuativa per mettere tutti sullo stesso livello e poi il nostro livello di gioco migliorerà“.

fonte ssc bari

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.